Monthly Archives: settembre 2016

EWARD HOPPER – Venerdì 18 novembre ore 19.00

COMPLESSO DEL VITTORIANO

Venerdì 18 novembre ore 19.00 – posti disponibili al 11/10 n. 14

Torna a Roma il genio di Edward Hopper, l’artista americano amatissimo dal largo pubblico degli appassionati, in una grande mostra allestita negli spazi del Complesso del Vittoriano. Saranno esposti circa 60 capolavori realizzati tra il 1902 e il 1960, prestati eccezionalmente dal Whitney Museum di New York, che di Hopper custodisce l’intera eredità, per una rassegna che punterà per la prima volta a documentare l’influenza del pittore sul mondo del cinema dai film di Hitchcock a quelli di Antonioni o Dario Argento.

Nelle opere di Edward Hopper incontriamo le stanze dell’interiorità, la luce ne racconta le storie. Edward Hopper è un pittore di atmosfere e di sentimenti, i suoi personaggi e le ambientazioni s’ispirano all’America degli anni Dieci del Novecento, raccontati da un artista che vede nella luce l’elemento fondamentale per la resa delle sue opere.

L’intero percorso dell’esposizione romana è suddiviso in sei sezioni, tematiche e cronologiche al tempo stesso.

Si parte con le opere del periodo accademico e con gli schizzi inondati di luce e le opere del periodo parigino. Capolavori come Night Shadows (1921) ed Evening Wind (1921) mettono in evidenza la sua tecnica elegante e quel ‘senso di incredibile potenzialità dell’esperienza quotidiana’ che da subito riscuote grande successo e che segna l’inizio della sua fortunata carriera.

Nella sezione che celebra la straordinaria mano di Hopper disegnatore e il suo metodo di lavoro, viene poi presentato un importante gruppo di disegni preparatori. La mostra riunisce anche alcune delle più significative immagini di donne, da sole e in interni, affaccendate o contemplative. Dipinti che raccontano al meglio la poetica dell’artista, il suo discreto realismo e soprattutto l’abilità nel rivelare la bellezza dei soggetti più comuni, usando appunto un taglio cinematografico.

€ 20,00 procapite. Per prenotate, fino ad esaurimento disponibilità, invia una mail a gbatignani@sogei.it


EWARD HOPPER – Venerdì 11 e 18 novembre ore 20.20

Category : Mostre , Programma 2017

COMPLESSO DEL VITTORIANO

Venerdì 11 novembre ore 20.20

Venerdì 18 novembre ore 20.20

Torna a Roma il genio di Edward Hopper, l’artista americano amatissimo dal largo pubblico degli appassionati, in una grande mostra allestita negli spazi del Complesso del Vittoriano. Saranno esposti circa 60 capolavori realizzati tra il 1902 e il 1960, prestati eccezionalmente dal Whitney Museum di New York, che di Hopper custodisce l’intera eredità, per una rassegna che punterà per la prima volta a documentare l’influenza del pittore sul mondo del cinema dai film di Hitchcock a quelli di Antonioni o Dario Argento.

Nelle opere di Edward Hopper incontriamo le stanze dell’interiorità, la luce ne racconta le storie. Edward Hopper è un pittore di atmosfere e di sentimenti, i suoi personaggi e le ambientazioni s’ispirano all’America degli anni Dieci del Novecento, raccontati da un artista che vede nella luce l’elemento fondamentale per la resa delle sue opere.

L’intero percorso dell’esposizione romana è suddiviso in sei sezioni, tematiche e cronologiche al tempo stesso.

Si parte con le opere del periodo accademico e con gli schizzi inondati di luce e le opere del periodo parigino. Capolavori come Night Shadows (1921) ed Evening Wind (1921) mettono in evidenza la sua tecnica elegante e quel ‘senso di incredibile potenzialità dell’esperienza quotidiana’ che da subito riscuote grande successo e che segna l’inizio della sua fortunata carriera.

Nella sezione che celebra la straordinaria mano di Hopper disegnatore e il suo metodo di lavoro, viene poi presentato un importante gruppo di disegni preparatori. La mostra riunisce anche alcune delle più significative immagini di donne, da sole e in interni, affaccendate o contemplative. Dipinti che raccontano al meglio la poetica dell’artista, il suo discreto realismo e soprattutto l’abilità nel rivelare la bellezza dei soggetti più comuni, usando appunto un taglio cinematografico.

€ 20,00


CRACOVIA E BRESLAVIA – Il medioevo nordico – dal 3 al 7 gennaio 2017

CRACOVIA GIOIELLO D’AMBRA

BRESLAVA CAPITALE DELLA CULTURA 2016

CAPITALE MONDIALE DEL LIBRO

 

Martedì 3 gennaio : ROMA/ BRESLAVIA

Partenza dall’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino per Breslavia (via Francoforte) con voli di linea

Lufthansa, arrivo alle 14.00. Trasferimento in bus riservato all’ Hotel ART ****, situato nel cuore storico della città, in un antico edificio con interni d’epoca dotati di ogni moderno comfort. Al pomeriggio visita del celebre Municipio (Ratusz), mirabile esempio di architettura gotica risalente alla metà del XIII secolo. Rimaneggiato e abbellito nel XV, assunse l’attuale aspetto con il grande orologio astronomico del 1580 situato al centro della facciata. Di seguito visiteremo la Chiesa di Santa Maria Maddalena, edificio gotico delle metà del XIV secolo. Sul lato meridionale è inserito un portale del XII secolo, capolavoro di scultura romanica. Rientro in albergo, cena libera e pernottamento.

 Mercoledì 4 gennaio : BRESLAVIA/CRACOVIA

Prima colazione in albergo. Appuntamento nella hall e trasferimento per la visita all’imponente Cattedrale di San Giovanni Battista, il monumento più importante della città. La chiesa, fortemente danneggiata dai bombardamenti del ’45, venne ricostruita nel dopoguerra e conserva i segni dei vari stili architettonici presenti in loco. Quindi a piedi, sulle isole del fiume Oder, fino all’Università; solenne e raffinata costruzione barocca del XVIII secolo, sede fino ai primi dell’Ottocento dell’ordine dei Gesuiti. Il complesso, fondato nel 1702 dall’imperatore d’Austria Leopoldo I, racchiude la preziosa aula Leopoldina dove armoniosamente convivono gli arredi rococò, grandi ritratti di imperatori e filosofi e affreschi illusionistici raffiguranti la gloria delle scienze illuminate dalla religione cristiana.

Al termine della visita pranzo libero. Nel pomeriggio partenza in bus per Cracovia. Arrivo e sistemazione in albergo: Radisson Blu ***** situato nel centro della città. Cena libera e pernottamento.

 Giovedì 5 gennaio : CRACOVIA

Prima colazione in albergo. Giornata di visita alla città antica. Cracovia si salvò dalla distruzione della

seconda guerra mondiale, quindi tutto ciò che si vede è autentico. La città fu capitale delle Polonia dall’XI al XVI secolo ed ora è il centro culturale più importante del Paese. La nostra visita inizia dal Wawel, il colle calcareo, alto 25 m, fortificato sin dalla protostoria. Dai secoli X-XI fu sede del primo Palatium dei sovrani con chiesa rotonda dedicata alla Vergine. Datati al XIV secolo sono i due colossali monumenti oggi presenti sul Wawel: il Castello Reale e la Cattedrale.

Il possente Castello gotico trecentesco venne devastato da un incendio nel 1499, quindi ristrutturato ad

opera di architetti polacchi e italiani che realizzarono un’armonica costruzione terminata nel 1536. Fu sede di due dinastie di sovrani polacchi, i Plast e gli Jagelloni, che resero Wawel uno dei più importanti centri politici europei nel XV e XVI secolo.

L’edificio, che ruota intorno ad un’elegante cortile d’onore d’impronta toscana, presenta al suo interno una serie di sale, splendidamente decorate, dove sono ambientate le Raccolte d’Arte Statali, fra cui preziose collezioni di dipinti, arazzi, armi antiche e artigianato, oltre al tesoro reale.

Accanto al castello, sorge la Cattedrale gotica dei santi Venceslao e Stanislao Vescovo, consacrata nel

1364, che oggi è ritenuta il monumento più importante di tutta la Polonia. Circondata da 20 spettacolari

cappelle, costruite o rifatte tra il XIV e il XVIII secolo, non solo rappresenta il più ricco museo di arte sacra di tutto il Paese, ma costituisce una sorta di Pantheon nazionale per la presenza della cripta delle Tombe Reali che raccoglie, all’interno di splendidi sarcofagi, le spoglie di quasi tutti i sovrani della Polonia. Di seguito, ci sposteremo nella medioevale Piazza del Mercato Centrale, cuore della Città Vecchia, circondata da edifici di notevole interesse artistico fra cui il lungo mercato dei tessuti, Sukiennice, una costruzione gotica in mattoni eretta all’inizio del ‘300. La piazza è dominata dalla mole imponente della chiesa di Santa Maria con le due grandi torri laterali. L’edificio, che conserva elementi d’arte gotica, rinascimentale e barocca, custodisce al suo interno il superbo Altare Mariano, massimo capolavoro di Veit Stoss scolpito dall’artista in legno di tiglio nel 1477-89.

Pranzo libero.

Nel pomeriggio visita al Quartiere Kazimierz che, in epoca medievale, venne fondato come cittadina

autonoma. La zona, dove sono tornati a risiedere stabilmente molti ebrei ristrutturando edifici e aprendo numerose attività, conserva un’atmosfera di una “diversità” tutta particolare. Una passeggiata tra i numerosi antichi palazzi ci porterà alla Stara Synagoga del 1400, la più antica della città, ed al vicino Cmentarz Remuth, il cimitero ebraico, l’unico in Europa in cui sono conservate lapidi rinascimentali. Cena libera. Rientro in albergo e pernottamento.

 Venerdì 6 gennaio : CRACOVIA e la MINIERA DI WIELICZKA

Prima colazione in albergo. Al mattino visita a Wieliczka, le famosissime miniere di salgemma, situate a 135 metri di profondità, ogg oggi dichiarate dall’Unesco monumento mondiale della natura e della cultura. Su un percorso di tre chilometri ammireremo cappelle con altari, statue e bassorilievi, scolpiti dai minatori nel salgemma.Pranzo libero.

Al pomeriggio tempo libero, oppure facoltativa, visita del Museo Mocak.

Cena libera. Rientro in albergo e pernottamento.

Sabato 7 gennaio : CRACOVIA / ROMA

Prima colazione in albergo. Appuntamento nella hall e partenza per Pieskowa Skala per visitare il castello del XIV secolo, oggi sede museale, che ospita collezioni di mobili, quadri e sculture e una ricca biblioteca. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, trasferimento in aeroporto con bus e guida e partenza con voli di linea Lufthansa delle ore 19.00. Arrivo a Roma/Fiumicino alle ore 23.20.

QUOTE DI PARTECIPAZIONE ASSOCIATI € 990,00

LE QUOTE INCLUDONO:

– voli di linea Lufthansa da Roma a/r

– Tasse aeroportuali Euro 149,00 a persona

– trasferimenti aeroporto/albergo/aeroporto con bus privato e guida

– sistemazione in camere doppie con servizi negli alberghi indicati

– 4 buffet breakfast negli alberghi

– 1 pranzo in ristorante bevande escluse

– servizio di bus per l’intero viaggio

– accompagnatore locale parlante italiano

– tutti gli ingressi durante le visite indicate (con guida parlante italiano)

– assicurazione medica e bagaglio e kit da viaggio

SUPPLEMENTO SINGOLA € 200,00

VISITE FACOLTATIVE

Possibilità di prenotare la visita del celebre dipinto di Leonardo da Vinci “La dama con Ermellino” custodito temporaneamente in una sala del Castello di Wawel. € 12,00

Durante il soggiorno a Cracovia sarà possibile effettuare un’escursione con un Bus privato  al Campo di sterminio di Auschwitz, situato a circa 70 Km da Cracovia.

Auschwitz bus e guida nel campo € 48,00

(entrambe le visite facoltative è obbligatorio prenotarle al momento dell’iscrizione al viaggio)

 OPERATIVO AEREO

3 gennaio Roma / Monaco LH 1843 11.45 -13.20  Monaco / Breslavia LH 1632 15.00 -16.10

7 gennaio Cracovia / Francoforte LH 1369 19.00 – 20.40 Francoforte / Roma LH 242 21.35 – 23.20

GLI ALBERGHI

ART HOTEL ****   Breslavia

RADISSON BLU *****   Cracovia


GALLERIA BORGHESE – sabato 5 novembre ore 17.00

Category : Programma 2017 , Visite

La Villa Borghese Pinciana, oggi sede della Galleria Borghese, fu costruita per essere un museo, luogo di cultura, per l’esposizione di immagini esemplari dell’arte antica e moderna, per la musica,  ma anche per la contemplazione della natura.

I pregi della sua architettura sono attribuibili a Flaminio Ponzio, architetto di fiducia del Papa e di suo  nipote il  Cardinale Scipione Borghese  che  arricchì la villa di opere   scultoree e pittoriche, infatti la ricca   collezione Borghese   consta di sculture, bassorilievi e mosaici antichi, nonché dipinti e sculture dal XV al XVIII secolo.
Il nucleo più importante delle sculture e delle pitture nella Galleria Borghese risale al collezionismo del cardinale Scipione (1579-1633), figlio di Ortensia Borghese, sorella del Papa Paolo V, e di Francesco Caffarelli.

L’attenzione del cardinale Scipione era rivolta a tutte le espressioni di arte antica, rinascimentale e contemporanea, atte a rievocare una nuova età dell’oro. Non particolarmente interessato all’arte medioevale, ricercò invece, con passione, la scultura antica. Motivato da una forte ambizione che favorì la creazione di nuove statue e gruppi marmorei che fossero messi a confronto con le opere antiche.

Sono presenti i più grandi capolavori dell’Arte Italiana: le opere scultoree di Gian Lorenzo Bernini e Canova  e le opere pittoriche di molti maestri italiani ed europei, tra gli italiani Raffaello Tiziano e Caravaggio e tra gli europei Rubens e Rembrandt.

€ 22,00 visita guidata prenotazione biglietto d’ingresso whispers