Category Archives: Mostre

Andy Warhol – sabato 26 gennaio 2019 ore 19.30

COMPLESSO DEL VITTORIANO

La vera essenza di Warhol in mostra al Vittoriano. Un’esposizione che con oltre 170 opere traccia la vita straordinaria di uno dei più acclamati artisti della storia.

€ 22.00 prenotazione whispers ingresso visita guidata


CANALETTO – Palazzo Braschi – sabato26 maggio ore 10.00-12.00-15.00-17.00

Category : Mostre , Programma 2018

Una grande mostra al Museo di Roma Palazzo Braschi

Piazza Navona 2

A cura della dott.ssa Stefania Ponti

Per celebrare i 250 anni dalla morte dell’artista veneto, a Palazzo Braschi è presente il più grande nucleo di opere mai esposto in Italia, 42 dipinti, nove disegni, e sedici tra libri e documenti di archivio.

Alla splendida Mostra fa da cornice il settecentesco Palazzo Braschi, custode non soltanto delle immagini di Roma e del suo patrimonio storico artistico, ma parte intregrante di quella città che trasformò il giovane Giovanni Antonio Canal da scenografo in spettacolare vedutista.

«La mostra, che ha richiesto una complessa organizzazione e oltre due anni di preparazione vanta un allestimento decisamente poetico, che valorizza i gesti, gli spazi di Canaletto, facendoci penetrare pienamente nello spirito del Settecento e seguire passo passo la vita di questo artista rivoluzionario, maestro del capriccio».

Otto le sezioni allestite per il suo rapporto con il teatro, il capriccio archeologico ispirato alle rovine dell’antica Roma, i primi successi a Venezia, gli anni d’oro, il rapporto con i suoi collaboratori e l’atelier e la presenza del nipote Bernardo Bellotto, le vedute di Roma e dell’Inghilterra, gli ultimi fuochi d’artificio al ritorno a Venezia. Completano il percorso espositivo alcuni documenti dell’Archivio di Stato di Venezia.

Spiccano due opere della Pinacoteca Gianni e Marella Agnelli di Torino: Il Canal Grande da nord, verso il ponte di Rialto, e Il Canal Grande con Santa Maria della Carità, esposti per la prima volta assieme al manoscritto della Biblioteca Statale di Lucca che ne illustra le circostanze della commissione e della realizzazione.

€ 20,00 ingresso, visita guidata  e whispers


J.M.W. TURNER AL CHIOSTRO DEL BRAMANTE – venerdì18 maggio ore19.00

VISITA A PERMESSO SPECIALE

CON ORARIO STRAORDINARIO DEDICATO AI PONTI NELL’ARTE

“Natura e romanticismo si fondono nella raffigurazione perfetta del sublime e nella contemplazione di una forza inarrestabile, quasi misteriosa”

Per la prima volta in mostra a Roma una raccolta di opere esclusive dell’artista inglese Joseph Mallord William Turner al Chiostro del Bramante, uno dei più grandi pittori di tutti i tempi, un artista rivoluzionario, drastico, senza mezze misure. . Per fissare nei suoi occhi l’immagine di una tempesta e poterla dipingere si faceva legare sugli alberi maestri dei vascelli in tempesta.

In mostra è esposta una collezione unica, espressione del lato intimo e riservato di TURNER donata interamente all’ Inghilterra e conservate presso la Tate Britain di Londra

Più di 90 opere d’arte, tra schizzi, studi, acquerelli, disegni e una selezione di olii mai giunti insieme in Italia, dedicata al celebre e rinomato maestro dell’acquerello che con la sua pittura ha influenzato più di una generazione di artisti, quali Claude Monet, Caspar David Friedrich, Vincent Van Gogh, Edgar Degas, Paul Klee, Franz Marc, Wassily Kandinsky, Gustav Klimt.

€ 23,00

 

 

 

 

 

 


TRAIANO – Costruire l’Impero, creare l’Europa: domenica 6 maggio 2018 ore 10.00 12.00 14.30 16.30

Category : Mostre , Programma 2018

Appuntamento davanti ingresso dei Mercati di Traiano

ore 10.00  12.00  14.30  16.30

a cura della dott.ssa Stefania Ponti

L’8 agosto di 1900 anni fa moriva l’imperatore Traiano, l’optimus princeps  che portò l’impero romano alla sua massima estensione.

Una grande mostra lo celebra presso i Mercati di Traiano, una tra le aeree archeologiche più suggestive di Roma.

Politica, economia, welfare, conquiste militari ottenute senza esclusione di colpi; inclusione di popolazioni diverse sotto un unico Stato che governa con leggi che ancora oggi sono alla base della giurisprudenza moderna; la buona amministrazione, influenzata anche da donne capaci, “first ladies” autorevoli; campagne di comunicazione e capacità di persuasione per ottenere il consenso popolare attraverso opere di pubblica utilità, “magnificentia publica” e lusso privato, ma discreto.

TRAIANO, imperatore costruttore.

La mostra è caratterizzata dal racconto della vita “eccezionale” di un uomo “ordinario”, significativamente racchiusa in un “titolo” coniato per lui, optimus princeps, ovvero il migliore tra gli imperatori. Colui che seppe riportare gioia tra i romani! come ricordato dallo storico Plinio il Giovane, suo contemporaneo Traiano ci ha ordinato di essere felici e noi lo saremo.

La mostra si sviluppa attraverso statue, ritratti, decorazioni architettoniche, calchi della Colonna Traiana, monete d’oro e d’argento, modelli in scala e rielaborazioni tridimensionali, filmati: una sfida a immergersi nella grande Storia dell’Impero e nelle storie dei tanti che l’hanno resa possibile.

II percorso espositivo si snoda attraverso 7 sezioni a partire dalla morte di Traiano, avvenuta in Asia Minore e, unico caso della storia romana, celebrata con trionfo nella capitale insieme alle sue gesta.

€ 15,00 visita guidata e whispers


PICASSO – venerdì 27 ottobre 20.40 SCUDERIE DEL QUIRINALE

Category : Mostre , Programma 2018

Un’occasione unica!

E’ la più grande mostra inserita nel ciclo delle celebrazioni picassiane, racconta un decennio di carriera dell’artista a seguito del suo viaggio in Italia.

Una straordinaria Esposizione, alle Scuderie del Quirinale che approfondisce la produzione dell’artista immediatamente successiva all’esperienza italiana, documentando l’impatto a lungo termine di questo viaggio sulla sua formazione: dalle suggestioni neoclassiche ispirate alla scultura antica, al Rinascimento romano, fino alla scoperta della pittura parietale di Pompei.

È un grande progetto a cui le Scuderie stanno lavorando sin dal 2015, in accordo con il Musée Picasso. Oltre 100 opere provenienti da oltre 50 prestatori europei, nordamericani e giapponesi.

€ 22,00


GIOVANNI BOLDINI – Complesso del Vittoriano – 24 marzo e 7 aprile

Category : Mostre , Programma 2017 , Visite

COMPLESSO DEL VITTORIANO Via S. Pietro in Carcere

VENERDI 24 MARZO ore 20.30 VENERDI 7 APRILE ore 19.00

La Mostra Giovanni Boldini al Complesso del Vittoriano è una delle più ricche e spettacolari esposizioni antologiche degli ultimi decenni. Oltre cento opere tra le più rappresentative della sua produzione saranno messe a confronto con i migliori artisti italiani ed europei: Giuseppe De Nittis, Telemaco Signorini, James Tissot e Federico Zandomenighi. Grandi capolavori, molti dei quali raramente esposti che giungono dalle più importanti collezioni private e musei di tutto il mondo.

Giovanni Boldini è l’artista che ha esaltato la bellezza femminile svelando l’anima più intima e misteriosa delle dame nobili dell’epoca.

E’ presente la tela manifesto e simbolo della Belle Epoche che rappresenta donna Franca Florio, “la regina di Palermo” e moglie dell’erede di una delle più ricche dinastie dell’epoca, il grande mecenate Ignazio Florio.

 

 € 20,00

visita guidata whispers ingresso prenotazione


ARTEMISIA GENTILESCHI – sabato 14 gennaio ore 15.00

Category : Mostre , Programma 2017

PALAZZO BRASCHI

Un viaggio nella vita e nell’arte di Artemisia, con un approfondito esame degli scambi e delle influenze con gli artisti a lei vicini.

90 opere provenienti da tutto il mondo, a impreziosire al Museo di Roma a Palazzo Braschi magnifico edificio del XVIII secolo, tra Piazza Navona e Corso Vittorio Emanuele II.

Una grande mostra un percorso che svela gli aspetti più autentici dell’artista, attraversando un arco temporale che va dal 1610 al 1652.

La mostra vanta prestiti da tutti i principali musei del mondo  ed opere straordinarie quali Giuditta che taglia la testa a Oloferne (Museo di Capodimonte), Ester e Assuero (Metropolitan Museum di New York), Autoritratto come suonatrice di liuto (Wadsworth Atheneum di Hartford Connecticut) e moltissime altre.

Accanto alle opere di Artemisia, anche quelle dei grandi protagonisti del XVII sec. come Cristofano Allori, SimonVouet, Giovanni Baglione, Antiveduto Grammatica e Giuseppe Ribera.

€ 20,00


EWARD HOPPER – Venerdì 18 novembre ore 19.00

COMPLESSO DEL VITTORIANO

Venerdì 18 novembre ore 19.00 – posti disponibili al 11/10 n. 14

Torna a Roma il genio di Edward Hopper, l’artista americano amatissimo dal largo pubblico degli appassionati, in una grande mostra allestita negli spazi del Complesso del Vittoriano. Saranno esposti circa 60 capolavori realizzati tra il 1902 e il 1960, prestati eccezionalmente dal Whitney Museum di New York, che di Hopper custodisce l’intera eredità, per una rassegna che punterà per la prima volta a documentare l’influenza del pittore sul mondo del cinema dai film di Hitchcock a quelli di Antonioni o Dario Argento.

Nelle opere di Edward Hopper incontriamo le stanze dell’interiorità, la luce ne racconta le storie. Edward Hopper è un pittore di atmosfere e di sentimenti, i suoi personaggi e le ambientazioni s’ispirano all’America degli anni Dieci del Novecento, raccontati da un artista che vede nella luce l’elemento fondamentale per la resa delle sue opere.

L’intero percorso dell’esposizione romana è suddiviso in sei sezioni, tematiche e cronologiche al tempo stesso.

Si parte con le opere del periodo accademico e con gli schizzi inondati di luce e le opere del periodo parigino. Capolavori come Night Shadows (1921) ed Evening Wind (1921) mettono in evidenza la sua tecnica elegante e quel ‘senso di incredibile potenzialità dell’esperienza quotidiana’ che da subito riscuote grande successo e che segna l’inizio della sua fortunata carriera.

Nella sezione che celebra la straordinaria mano di Hopper disegnatore e il suo metodo di lavoro, viene poi presentato un importante gruppo di disegni preparatori. La mostra riunisce anche alcune delle più significative immagini di donne, da sole e in interni, affaccendate o contemplative. Dipinti che raccontano al meglio la poetica dell’artista, il suo discreto realismo e soprattutto l’abilità nel rivelare la bellezza dei soggetti più comuni, usando appunto un taglio cinematografico.

€ 20,00 procapite. Per prenotate, fino ad esaurimento disponibilità, invia una mail a gbatignani@sogei.it


EWARD HOPPER – Venerdì 11 e 18 novembre ore 20.20

Category : Mostre , Programma 2017

COMPLESSO DEL VITTORIANO

Venerdì 11 novembre ore 20.20

Venerdì 18 novembre ore 20.20

Torna a Roma il genio di Edward Hopper, l’artista americano amatissimo dal largo pubblico degli appassionati, in una grande mostra allestita negli spazi del Complesso del Vittoriano. Saranno esposti circa 60 capolavori realizzati tra il 1902 e il 1960, prestati eccezionalmente dal Whitney Museum di New York, che di Hopper custodisce l’intera eredità, per una rassegna che punterà per la prima volta a documentare l’influenza del pittore sul mondo del cinema dai film di Hitchcock a quelli di Antonioni o Dario Argento.

Nelle opere di Edward Hopper incontriamo le stanze dell’interiorità, la luce ne racconta le storie. Edward Hopper è un pittore di atmosfere e di sentimenti, i suoi personaggi e le ambientazioni s’ispirano all’America degli anni Dieci del Novecento, raccontati da un artista che vede nella luce l’elemento fondamentale per la resa delle sue opere.

L’intero percorso dell’esposizione romana è suddiviso in sei sezioni, tematiche e cronologiche al tempo stesso.

Si parte con le opere del periodo accademico e con gli schizzi inondati di luce e le opere del periodo parigino. Capolavori come Night Shadows (1921) ed Evening Wind (1921) mettono in evidenza la sua tecnica elegante e quel ‘senso di incredibile potenzialità dell’esperienza quotidiana’ che da subito riscuote grande successo e che segna l’inizio della sua fortunata carriera.

Nella sezione che celebra la straordinaria mano di Hopper disegnatore e il suo metodo di lavoro, viene poi presentato un importante gruppo di disegni preparatori. La mostra riunisce anche alcune delle più significative immagini di donne, da sole e in interni, affaccendate o contemplative. Dipinti che raccontano al meglio la poetica dell’artista, il suo discreto realismo e soprattutto l’abilità nel rivelare la bellezza dei soggetti più comuni, usando appunto un taglio cinematografico.

€ 20,00


ALPHONSE MUCHA – Complesso del Vittoriano sabato 28 maggio ore 11.00, 17.20 e 19.00

Category : Mostre , Programma 2016

La mostra di Alphonse Mucha al Complesso del Vittoriano in un percorso di oltre 200 opere tra dipinti, manifesti, disegni, gioielli e bozzetti di arredi.

Immagini di donne seducenti, il simbolo della nascita di un nuovo genere di arte visiva nella Parigi della Belle Époque:

Lo stile Mucha, Rappresenta il linguaggio artistico dell’Art Nouveau

Considerato il massimo esponente del movimento artistico Creava opere grafiche e oggetti decorativi di arredamento non più commissionate da nobili ed ecclesiastici, ma dai borghesi.

L’originalità contemporanea di Alphonse Mucha consiste nel suo equilibrio tra antico e moderno, nell’essere filosofo e cosmopolita, artista dalla grande manualità artigianale e amante della pubblicità commerciale.

Mucha ha profondamente influenzato l’arte contemporanea tra Ottocento e Novecento, facendo divenire i prodotti commerciali una raffinata forma d’arte, creando un’inconfondibile impostazione grafica. nei suoi manifesti per spettacoli di teatro e nei prodotti commerciali le sue donne in vesti classicheggianti circondate da ambienti fiabeschi dai colori pastello e motivi geometrici e floreali Seducono il fruitore .

€. 20.00


I MACCHIAIOLI – sabato 16 aprile ore 11,30 e 19,30

Category : Mostre , Programma 2016

Le collezioni svelate

CHIOSTRO DEL BRAMANTE

Per la prima volta importanti dipinti dei Macchiaioli con opere che appartenevano a grandi collezioni del passato,  oggi confluite per lo più in collezioni private,  un nucleo inedito del più importante movimento pittorico italiano del XIX Secolo.

In mostra oltre 110 opere che rappresentano la punta di diamante di ricchissime raccolte di grandi mecenati dell’epoca, personaggi di straordinario interesse, accomunati dalla passione per la pittura, imprenditori e uomini d’affari innamorati della bellezza, senza i quali oggi non avremmo potuto ammirare questi capolavori.

In un percorso di 9 sezioni – ciascuna intitolata alla collezione di provenienza – si ammira il movimento pittorico più importante dell’Ottocento italiano e il clima storico che fa da sfondo alla vicenda di questi artisti.

 

€ 20,00


CORREGGIO E PARMIGIANINO – sabato 02 aprile ore 19,40, venerdì 8 aprile ore 19.00

Category : Mostre , Programma 2016

Correggio e Parmigianino.

Arte a Parma nel Cinquecento

Una mostra evento spettacolare ed attesissima

Una grande mostra dedicata alla conoscenza del Correggio (1489-1534) e del Parmigianino (1503-1540) due grandi maestri della prima metà del cinquecento protagonisti della straordinaria stagione parmense.Un percorso che dimostra come la grande arte non si limitò al perimetro dei tre grandi centri di Firenze, Venezia e Roma, infatti proprio a Parma la pittura emiliana cinquecentesca trovò il centro più attivo, grazie anche all’attività dei due grandi pittori.

Antonio Allegri, meglio noto come il Correggio,  si recò a Parma all’apice della carriera e vi rimase per il resto della sua vita. In mostra, oltre a una selezione di capolavori a soggetto religioso, anche opere a soggetto mitologico che ebbero grande influenza sugli artisti successivi. Lavori che sottolineano una sensibilità raffinata, attenta alla morbidezza del modellato come agli elementi compositivi, in assoluto equilibrio tra resa naturalistica e trasfigurazione poetica.

Francesco Mazzola, detto il Parmigianino, allievo dello stesso Correggio, esordì precocemente e fu attivo anche a Roma e Bologna. Del Parmigianino saranno esposte opere di soggetto religioso e mitologico, ma particolare attenzione verrà posta ai risultati ottenuti nel ritratto.

Inoltre un’accurata selezione metterà in evidenza l’approccio radicalmente diverso dei due maestri alla pratica del disegno: quella sostanzialmente funzionale di Correggio sarà accostata alla produzione incomparabilmente più ricca e varia di Parmigianino, mosso da un bisogno quasi ossessivo di disegnare.

Oltre ai due grandi maestri, della Scuola di Parma sono presenti dipinti e disegni eseguiti da Michelangelo Anselmi, Francesco Maria Rondani, Girolamo Mazzola Bedoli e Giorgio Gandini del Grano, capolavori inaccessibili provenienti da collezioni private a dimostrazione del fatto che uno degli effetti più notevoli della presenza a Parma di Correggio e Parmigianino fu proprio l’emergere di una cerchia di eccellenti allievi e discepoli.

€ 18,00

 

 

 


FERNANDO BOTERO – venerdì 4 marzo ore 20.20 e domenica 6 marzo ore 10.50

Category : Mostre , Programma 2016

PALAZZO DELL’ESPOSIZIONI Via Nazionale

Venerdi 4 marzo ore 20.20 Domenica 6 marzo ore 10,50

DA NON MANCARE

Il Palazzo delle Esposizioni di Roma ospita “Via Crucis, La Passione di Cristo”, di Fernando Botero, è un’artista tra i più prolifici, esposti e pagati, i suoi dipinti e sculture hanno raggiunto quotazioni stellari, sbancando le aste newyorchesi.

Il suo mondo opulento, abitato da umani dalle forme tonde, una cifra stilistica che lo identifica. Colombiano, è legato all’Italia per avervi studiato in gioventù, da più di 30 anni trascorre i mesi estivi a Pietrasanta, dove lavora nel suo studio, ogni giorno, incluso Ferragosto, al tramonto scende dalla Rocca a bordo della leggendaria Micro rossa, al fianco della moglie, la scultrice Sophia Vari: bellissima e soprattutto magrissima.

La mostra itinerante, che ha già toccato New York, Medellín, Lisbona e Panama, presenta 27 dipinti a olio e 36 disegni, realizzati dall’artista colombiano tra il 2010 e il 2011. Botero è uno degli artisti più celebri e popolari al mondo e divide la sua attività tra Parigi, New York, Montecarlo e Pietrasanta in Toscana.

€ 16,00


AFFINITA’ ELETTIVE: da De Chirico a Burri. Domenica 31 gennaio ore 16.00

Category : Mostre , Programma 2016

Galleria d’Arte Moderna

Domenica 31 gennaio ore 16.00 Via Francesco Crispi 24

In un’affascinante sede, restituita alla città dopo un accurato restauro, “Affinita’ elettive” è la mostra organizzata negli spazi espositivi della Galleria d’Arte Moderna di Roma, da de Chirico a de Pisis, da Morandi a Casorati, da Afro a Trombadori a Burri.

La mostra nasce dalla volontà di accostare una carrellata di capolavori, realizzati dagli anni ’20 agli anni ’60, molti dei quali prestiti eccezionali della Collezione Magnani Rocca, custoditi nella splendida Villa di Mamiano di Traversetolo, alle porte di Parma

Per l’esposizione questa e’ la volta della sede espositiva capitolina, al suo secondo atto come continuità del percorso iniziato a Parma. Sono presenti nuclei straordinari messi insieme dal collezionista emiliano, che strinse negli anni rapporti di stima e amicizia con i maestri del tempo. Non a caso, la mostra prende le mosse da un’opera capitale di Giorgio de Chirico, conservata alla Magnani Rocca, l”Enigma della Partenza’ del 1914, in cui la piazza straniante circondata da architetture indefinite e’ tradotta dal genio di Volos con quella chiarezza classica dello spazio che influenzera’ il ‘900 europeo.

€ 15,00


IMPRESSIONISTI “TETE A TETE” – venerdì 6 nov ore 19.00

Category : Area Convenzionati , Mostre

COMPLESSO DEL VITTORIANO

impressionisti

L’esposizione traccia un ritratto della società parigina della seconda metà dell’Ottocento, attraversata dai grandi mutamenti artistici, culturali e sociali di cui gli impressionisti furono esponenti e testimoni.

Edouard Manet, Pierre-Auguste Renoir, Edgar Degas, Frédéric Bazille, Camille Pissarro, Paul Cézanne, Berthe Morisot: questi, tra i tanti degli artisti presenti al Complesso del Vittoriano, in una rassegna di oltre sessanta opere, tra cui dieci sculture.

“IMPRESSIONISTI Tête-à-tête” offrirà la possibilità di ricostruire l’ambiente culturale, i contesti sociali e gli stimoli artistici in cui operarono gli artisti di quella “rivoluzione dello sguardo” e di quel rinnovamento stilistico di cui il movimento impressionista fu portavoce.

LE OPERE vere e proprie icone dell’impressionismo, mettono in luce gli aspetti innovativi del movimento artistico ed evidenziano, allo stesso tempo, le connotazioni delle singole personalità. Sarà possibile ammirare gli artisti riuniti intorno a Manet ritratti nell’Atelier di Bazille, ma anche la Berthe Morisot immortalata nel celebre Balcon di Manet e la giovane sconosciuta di Montmartre colta nell’istantaneità di una conversazione dell’Altalena di Renoir.

 

€ 15.00 per persona. Non sono previste riduzioni. Per prenotare invia una mail a gbatignani@sogei.it posti disponibili al 21.10 n. 17