Terra EMILIANA in festa CARNEVALE d’EUROPA – da sabato 24 febbraio a lunedì 26 febbraio 2018

Terra EMILIANA in festa CARNEVALE d’EUROPA – da sabato 24 febbraio a lunedì 26 febbraio 2018

Tra borghi e castelli

VIGNOLA CENTO MODENA

Borghi e città,  gioielli d’arte del nostro Bel Paese.

 Rocche e Castelli e Capolavori dei più grandi artisti italiani.

E la “festa più pazza dell’anno” conosciuta in tutta Europa e gemellata con Rio de Janeiro.

Il Carnevale d’Europa a C.so Guercino e la sua piazza di Cento

 

1° GIORNO SABATO 24 FEBBRAIO

Partenza da Roma per Vignola. Uno tra i più suggestivi borghi del nostro Bel Paese, noto per aver dato i natali a Jacopo Barozzi universalmente riconosciuto come uno dei più importanti architetti del Cinquecento italiano.

Pranzo in una tipica e genuina trattoria con degustazione dei prodotti del territorio.

Visiteremo la ROCCA di Vignola, simbolo della città, è uno degli esempi più interessanti di architettura fortificata della Regione. Sorta come struttura difensiva, durante la signoria dei Contrari fu trasformata in sontuosa dimora ricca di decorazioni ed affreschi. La Rocca s’innalza su uno sperone di arenaria vigilando sulla valle del Panaro, nell’incantevole paesaggio delle prime colline. Poderosa mole quadrilatera su cinque piani, nella corte interna, sorge la Rocchetta e si aprono le sale dei Contrari e dei Grassoni. Fra gli ambienti affrescati, spicca la Cappella, vero gioiello del gotico “internazionale”.

Si continua con la visita di PALAZZO Barozzi capolavoro architettonico eseguito da Jacopo Barozzi, detto “il Vignola“.  Jacopo Barozzi nacque a Vignola nel 1507 e morì a Roma nel 1573, dove è sepolto, al Pantheon con Raffaello ed altri personaggi illustri. Visse a Vignola si formò a Bologna dove scelse di studiare architettura, successivamente trasferitosi a Roma, svolse una vasta e intensa attività al servizio dei Farnese e di diversi Papi e fece parte della cerchia di Michelangelo e del Vasari. Nel 1564, alla morte di Michelangelo, venne chiamato a proseguire i lavori alla fabbrica di S. Pietro a Roma. Le sue opere più famose sono a Roma: Tempio di S. Andrea sulla via Flaminia, Villa Giulia, Palazzo Farnese, Chiesa del Gesù ed altre e nel Lazio Palazzo Caprarola a Viterbo. Trasferimento in Hotel. Cena. Pernottamento in hotel.

2° GIORNO DOMENICA 25 FEBBRAIO

Dopo la prima colazione in hotel partenza per il Borgo di Cento.

Nota in tutta Europa per il Carnevale che si vive nel centro storico di questo gioiello d’Italia.

E’ una piccola capitale dell’arte italiana, con i suoi portici e le sue vie antiche. E’ la patria del Guercino! Visiteremo la Rocca, la Collegiata di S. Biagio e approfondiremo la conoscenza di Giovanni Francesco Barbieri soprannominato il Guercino uno dei più noti pittori italiani. Pranzo libero.

Ore 13.30 ingresso nelle vie del Carnevale d’Europa dove le splendide creature di cartapesta e un tripudio di maschere sfileranno nello splendido centro storico.

Il 25 Febbraio sarà l’ultima domenica di Carnevale in calendario. Vivremo il Gran Finale di questa edizione che proclama e premia il carro vincitore, ascolteremo il tradizionale testamento e in finale nel piazzale della Rocca il suggestivo rogo di Tasi, maschera tradizionale centese.

Oltre alla travolgente sfilata in corso Guercino, il pubblico potrà  assistere allo spettacolo sul palco centrale di piazza Guercino, con scatenati gruppi musicali, testimonial famosi ma soprattutto il caloroso e colorato gruppo di ballerine e percussionisti brasiliani a suggellare lo storico gemellaggio con il famoso Carnevale di Rio de Janeiro. Cena libera con possibilità di essere organizzata. Rientro e pernottamento in hotel.

3° GIORNO LUNEDI 26 FEBBRAIO

Una famosa pubblicità italiana afferma che se l’Italia fosse casa, la regione Emilia Romagna sarebbe la cucina …e se l’Emilia Romagna fosse una cucina, Modena sarebbe la portata principale. Se lo pensano gli italiani, allora dev’essere assolutamente vero.

Dopo la prima colazione visita della città di Modena della Piazza Grande, del Duomo e la Ghirlandina i tre monumenti che sono stati dichiarati dal 1997 Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

A zonzo per la città per la conoscenza e approfondimento del centro storico disegnato da palazzi sontuosi, ne sono un esempio il Palazzo Ducale e il Palazzo Comunale.

Il tour a piedi inizia in Piazza Grande con la Cattedrale e la Ghirlandina. La cattedrale, un esempio supremo prima arte romanica, insieme con la sua piazza e la torre testimonia la fede dei suoi costruttori ed è considerato un capolavoro dell’umano genio creativo in cui si è ideata una nuova relazione tra l’architettura e scultura. Il complesso architettonico di Modena è uno dei migliori esempi delle tradizioni culturali del XII secolo, dove i valori religiosi e civili sono combinati in un borgo medievale cristiano. Piazza Grande era ed è ancora centro sia politico sia topografico della città ed è su questa piazza che l’antico municipio venne costruito.

La visita prosegue nel centro, dove le strade acciottolate sono ricche di negozi una di queste strade è l’antica Via Emilia, romana, che collega Piazza Grande a Piazza Mazzini, l’area dell’ex ghetto ebraico.

Con l’arrivo della famiglia d’Este nel 1598, la struttura urbanistica di Modena cambia per adattarsi alle esigenze della nuova corte. A quel tempo, Modena aveva bisogno di un nuovo aspetto urbano, con ville dei nobili e case cortigiane, le residenze estive e le chiese. Alcune strade medievali sono state sostituite da strade grandi e dritte e una parte della città ha acquisito un nuovo aspetto urbano, il vecchio castello è stato sostituito dal Palazzo Ducale. Il tour termina in Piazza Roma di fronte alla facciata barocca del Palazzo Ducale, che ora ospita l’Accademia Militare. Pranzo in un ristorante tipico. Possibilità di visitare la casa Museo di Luciano Pavarotti.

Quota di partecipazione   € 329,00

La quota comprende:

  • Bus Granturismo A/R;
  • Hotel 4stelle;
  • Pernottamento e 1^ colazione
  • Mezza pensione
  • Ingressi musei e sfilata del Carnevale
  • Storica per tutta la durata del viaggio

La quota non comprende:

  • Mance
  • Bevande ai pasti
  • La visita alla residenza di Luciano Pavarotti
Print Friendly, PDF & Email